Skip to main content

Colloquio: importanza del linguaggio non verbale

linguaggio non verbale

Sicuramente volete fare una buona impressione durante un colloquio di lavoro ed apparire sicuri ed intelligenti. Certo, è importante cercare di farlo con le parole, ma anche il vostro corpo deve inviare lo stesso messaggio. Spesso questo aspetto viene sottovalutato o addirittura non viene preso in considerazione, ma è un errore da evitare. Infatti, l’atteggiamento ha un impatto notevole su come veniamo percepiti dagli altri e può di conseguenza influenzare un colloquio conoscitivo. Infatti, siamo tutti sensibili al linguaggio non verbale; per questo motivo bisognerebbe imparare ad utilizzarlo a proprio vantaggio, soprattutto quando c’è un’offerta di lavoro in ballo. Un linguaggio del corpo positivo mette a proprio agio l’interlocutore, mentre uno negativo può rovinare la performance nonostante le buone risposte. Qui potete trovare alcuni consigli per migliorare il linguaggio non verbale ed avere una marcia in più! 

Ricordatevi che il vostro colloquio inizia prima di incontrare il recruiter o HR Manager. La vostra valutazione parte dal momento in cui entrate in ufficio e vi accomodate nella sala d’aspetto. Infatti, gli altri lavoratori e receptionist vi osserveranno e si faranno un’idea di come apparite – e non sto parlando esclusivamente dell’abbigliamento. Per esempio, fate una brutta impressione se vi presentate puzzando di sigaretta o masticando una cicca. Mentre aspettate che cominci il colloquio, evitate di guardare (e parlare) al telefono o di controllare l’ora: sembrerete nervosi e a disagio. Cercate di sorridere ed essere gentili con tutti. Vi consiglio di appoggiare la vostra borsa o valigetta alla vostra sinistra, in modo che non vi dia fastidio quando vi alzate per presentarvi. La stretta di mano è molto importante, perché è il primo contatto fisico con il vostro interlocutore ed influenza sempre la prima impressione. Risulta quindi che la comunicazione non verbale sia molto importante anche prima e dopo il colloquio stesso.

Il manager che avete davanti inizierà a valutare sia le vostre risposte, sia come vi ponete. Per cui sedetevi con la schiena dritta e sporgetevi leggermente in avanti verso il vostro interlocutore, in quanto segno di interesse e coinvolgimento. Usate le mani mentre parlate e cercate di mostrarne i palmi, poiché gli esperti di comunicazione sostengono che aiuti a renderci più piacevoli. E’ invece visto negativamente mangiarsi le unghie o far scrocchiare le dita, in quanto manifestano nervosismo ed ansia. Cercate di guardare negli occhi il vostro interlocutore, senza però fissare per troppi secondi, guardate anche il resto del viso. Mi rendo conto che non sia così facile controllare il proprio corpo in situazioni delicate come un colloquio di lavoro, ma il linguaggio non verbale può essere una chiave vincente. Vi suggerisco quindi di allenarvi in altri contesti sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *